SPID e CIE

SPID cos’è e come si attiva

Lo Spid è il «sistema pubblico di autenticazione» che garantisce l’accesso, con una sola password, ai servizi della pubblica amministrazione italiana ma anche a quelli dei privati aderenti.

Esistono tre livelli di sicurezza di SPID:

  • il primo livello permette di accedere ai servizi online attraverso le credenziali SPID (nome utente e password scelti dall’utente);
  • il secondo livello, dedicato ai servizi che richiedono un grado di sicurezza maggiore (come quelli fiscali), permette l’accesso attraverso le credenziali SPID e la generazione di un codice temporaneo di accesso (one time password) o l’uso di un’app, fruibile attraverso un dispositivo (lo smartphone, ad esempio);
  • il terzo livello prevede, oltre alle credenziali, l’utilizzo di ulteriori soluzioni di sicurezza e di eventuali dispositivi fisici (la smart card, ad esempio) che vengono erogati dal gestore dell’identità.

Per avere lo Spid si deve essere maggiorenni e avere:

  • un indirizzo e-mail;
  • il numero di telefono del proprio smartphone;
  • un documento di identità valido;
  • la tessera sanitaria con il codice fiscale.

Per il rilascio dello SPID ci si deve registrare sul sito di uno dei gestori di identità digitale accreditati che effettueranno il riconoscimento prima del rilascio della identità Spid.

 

Il riconoscimento può avvenire secondo una delle seguenti modalità:

Il decreto semplificazioni ha poi avuto un impatto su tutti i dipendenti delle istituzioni scolastiche che sempre più dovranno utilizzare l’identità SPID per avere accesso a servizi o per godere di bonus ed agevolazioni.

Ad esempio, oggi non è più possibile registrarsi ad Istanze On Line del Ministero dell’istruzione ed i nuovi utenti sono obbligati ad usare lo SPID per l’accesso al servizio. Tutti coloro che sono già registrati, potranno accedere ad Istanze On Line con le proprie credenziali solo fino al 30 settembre 2021 data a partire dalla quale l’accesso sarà possibile soltanto ai possessori di un’identità SPID. La novità riguarda ovviamente anche tutti coloro che si stanno registrando al sistema per la presentazione delle domande di inserimento nelle graduatorie di terza fascia ATA.

Anche le domande per la mobilità 2021 del personale scolastico sono on line ed è necessario essere in possesso dello SPID se non si è registrati sulla piattaforma.

L’utenza SPID è anche necessaria per la carta del docente di 500 euro come per il bonus cultura di 500 euro per i ragazzi che compiono 18 anni nel 2021.

Tutto il personale deve quindi crearsi un’identità digitale con SPID per facilitare i rapporti con qualunque amministrazione pubblica ma anche per rendere più efficienti le procedure e gli strumenti di comunicazione con l’istituzione scolastica presso cui presta servizio. Lo SPID sarà anche necessario per accedere ai servizi telematici forniti dal Ministero dell’Istruzione o per usufruire di bonus.

Anche le famiglie devono comprendere l’importanza di attivare lo SPID per poter pienamente godere dei diritti cittadinanza digitale e rendere più semplice ed immediato il rapporto con l’istituzione scolastica.